Benvenuti bambini: la prima visita dal dentista

In questo articolo vogliamo rispondere a una delle domande più frequenti che i genitori ci pongono: qual è la giusta età per fare la prima visita dentistica?

Rispetto a qualche anno fa, quando i genitori portavano i propri figli dal dentista solo nel momento in cui c’era un problema da risolvere, tante cose sono cambiate. C’è più informazione e conoscenza e sempre più genitori percorrono la strada della prevenzione. Qual è dunque il momento in cui è necessaria portare i più piccoli dal dentista? Il nostro consiglio è di effettuare un primo controllo già intorno ai 3/4 anni, quando cioè la dentizione decidua è completa. Vediamo perché

A cosa serve la prima visita dal dentista?

Nella fase della dentizione decidua i bambini sono particolarmente esposti al rischio di carie; tuttavia, la prima visita non è finalizzata soltanto al controllo dei denti. Il dentista, infatti, avrà l’occasione di valutare la conformazione della cavità orale e intercettare possibili problematiche funzionali e scheletriche che potrebbero causare l’insorgere di spiacevoli patologie, ma anche esaminare la condizione di igiene della bocca e conoscere le abitudini alimentari del bambino.

Il primo controllo è anche l’occasione per istruire il bambino sulla corretta igiene orale e sull’alimentazione più adeguata a mantenere la bocca in salute.

Insomma, il dentista, così come altri specialisti dell’infanzia, partecipa alla crescita e allo sviluppo del bambino; così come vale per gli adulti, il consiglio è di effettuare controlli periodici, almeno una volta l’anno, al fine di limitare problematiche di natura estetica o funzionale.

Piccoli consigli su come affrontare la paura del dentista

La paura del dentista non è solo dei più piccoli. Anche gli adulti ne soffrono, tanto che l’Oms riconosce l’odontofobia come vera e propria patologia. Ma, aldilà di questi casi estremi, con i giusti modi i bambini possono essere aiutati a superare la paura del dentista. Lo specialista ha sicuramente in quest’aspetto un’importanza primaria: mirare alla conquista della loro fiducia con un atteggiamento amichevole e positivo ha l’effetto di rassicurare i bambini e renderli disponibile a collaborare. Ma anche i genitori possono fare la loro parte sdrammatizzando la situazione e soprattutto evitando di utilizzare la figura del dentista come minaccia ai loro capricci; congratularsi alla fine della prima visita per essere stati coraggiosi e rispondere a tutte le loro domande sono gli atteggiamenti che favoriscono la costruzione di un rapporto sano tra bimbo e dentista.

Il nostro studio s’impegna quotidianamente con i bambini, coinvolgendoli nel trattamento e motivandoli alla prevenzione. In questo modo riusciamo ad avere dei piccoli pazienti collaborativi e quindi con una bocca in salute.

Share: